Il 5°Clone

[Discussione] La razza base di minor successo

Discuti di argomenti di D&D che vanno al di là del semplice regolamento!

Moderatori: Webmaster, Moderatori, Mod in prova

Regole del forum
Ricordiamo di leggere il Regolamento Generale del 5°Clone e di rispettare il corretto utilizzo dei TAG del Forum.

Quale è la razza base meno utilizzata (con riferimento alla sua edizione)?

Dragonborn
6
43%
Elfo
0
Nessun voto
Gnomo
3
21%
Halfling
0
Nessun voto
Mezzelfo
2
14%
Mezzorco
0
Nessun voto
Nano
0
Nessun voto
Tiefling
3
21%
Umano
0
Nessun voto
 
Voti totali : 14

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda Nyxator » sab set 24, 2016 1:22 pm

Beh, di fondo un tizio così ha stampato in fronte guerriero, barbaro e ranger skirmisher, e andrebbe un pò a impelagarsi in una contraddizione, specie se si buttasse su un tomo di magia arcana..ergo il dazio castereccio un pò se lo merita anche.
(col race builder dell'Arg ci sarebbe da introdurre quella RI apposta per lui e settargliela a un costo di 5-7 race point....là hanno solo la spell resistance lesser e greater, e la greater è quella solita/normale di 11+GS o 11+lv)


:uhm: al di là di tutto, come alternativa alla RI che lo ostacola, ci vedrei carina anche una feature aggiuntiva per i rari caster, con un check di concentrazione e 2-4 step di autoconvincimento castereccio spalmati su 20lv.
A livello di flavour la motiverei che la sua magia è quella vera perchè l'ha ottenuta in X modo.

Col criterio dei tratti e talenti ad hoc sulla falsariga dell'Arg di Path, si potrebbe pure approfondire/diversificare tutta la faccenda del se non vede ode o tocca non ci crede.
Chessò, cose che hanno a che fare con le illusioni, la loro diversa percezione di magia arcana(non ci credono o ci credono se è loro), magia divina(magari a quella di sciamani e druidi ci credono) e persino dei poteri sop (qua presumo bonus sul ts a scapito di altri tratti)
Avatar utente
Nyxator
Eroe Valoroso
Eroe Valoroso
 
Messaggi: 3108
Iscritto il: mar lug 24, 2012 10:38 pm
Località: Sigil. città delle porte.

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda Mad_Master » sab set 24, 2016 4:39 pm

Ricordo che io gli diedi accesso solo ed esclusivamente alla magia druidica, per motivi di ambientazione e perché come razza la Natura come Grande Madre era l'unica entità soprannaturale in cui credessero, più che altro perché in quanto selvaggi avevano a che fare con lei tutto il tempo e gli effetti dell'interazione con lei erano piuttosto palesi...

Come razza generica, però, avrebbero effettivamente bisogno di notevoli bonus per compensare il fatto che ogni cosa magica su di loro e da loro quasi mai funziona... Probabilmente, a livello di race builder, il suo costo sarebbe lo stesso della RI superiore, in quanto il valore più alto sarebbe controbilanciato da tutte le fregature che comporta...
Avatar utente
Mad_Master
Membro Gold
Membro Gold
 
Messaggi: 2361
Iscritto il: gio nov 17, 2005 8:00 am
Località: Monte Argentario

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda Red_Dragon » sab ott 01, 2016 3:11 am

Dopo l'enorme sbatto di Kalavastir, sembra che riesca di nuovo ad accedere, quindi mo' vado a rispondere in ordine sparso ^_^

Forgiati: non starebbero bene nel manuale base semplicemente per il fatto che D&D è pensato come Fantasy, di base, e non Steampunk, mentre un Forgiato, al pari di uno Gnomo Inventore, farebbe deviare la rotta.
Cangiante: è una razza avanzata con la sua capacità di cambiare forma e sesso. Non so se funzionerebbero in un manuale base.
Morfico: secondo me ha un paio di problemi (di cui uno credo sia mio personale); il primo è che non riesco ad immaginarmi le loro "trasformazioni che non trasformano"; il secondo è che richiede un pesante cambiamento al concetto di Licantropo (vedi dopo).
Skinwalker: non li conoscevo ma li ho trovato sulla wiki di Pathfinder. Sembrano il tentativo di mettere i Morfici in Pathfinder. Hanno aspetto umano rispetto ai morfici ma hanno delle trasformazioni che trasformano, facendo spuntare artigli, zanne, pelliccia, eccetera, anche se la trasformazione (da quello che ho capito) non è completa (non diventano ibridi come i licantropi). Anche questi richiedono un pesante cambiamento al concetto di Licantropo.
Licantropi per Morfici e Skunwalker: ambedue le razze richiedono di essere discendenti dell'accoppiamento tra un umano ed un licantropo. Il problema è che nella "figura classica" non c'è spazio per il mezzo licantropo: il licantropo è un essere umano con la capacità di trasformarsi in lupo, ma i suoi figli saranno esseri umani normali il 50% delle volte e l'altro 50% erediteranno la "maledizione" che causa la trasformazione. Anche nei licantropi che controllano le trasformazioni, detta prerogativa rimane. Introdurre quindi i "mezzi licantropi" richiede di trasformare il licantropo in qualcosa di diverso da una "maledizione" (od una "benedizione"), come hanno fatto in D&D 4E, e non so se questo piacerebbe.
Neanderthal: sono i mezz'orchi, se non vuoi i "sangue misto". Ne occupano la stessa nicchia e hanno le stesse capacità. So già che la gente preferirebbe il mezz'orco.
Felinidi: questi mi piacerebbe che venissero inseriti :) Il problema fondamentale è scegliere quale delle millemila versioni mettere e/o fondere perché ne hanno inventate veramente tante.
Umbrangen: a me ricordano una sottorazza di elfi a tutti gli effetti; secondo me son più famosi i drow. Io non inserirei né l'uni né gli altri in un manuale base.
Illuminan: mai visti giocare...
Beastman: io trovo più belli i Felinidi ^_^ La cosa più caratterizzante del Beastman è anche la più disastrosa: la sua aura antimagia. D&D è molto castocentrico, quindi un PG che abbia un'aura antimagia potente che funziona nei due sensi, si troverebbe nei guai: niente oggetti magici, niente magie curative, niente incantesimi lanciabili. Ora prova ad affrontare un drago che vola e ti tira l'inferno addosso (od incendia il lago d'olio che ti ha prima vuotato in testa...). Non a caso funzionava bene in AD&D dove l'avevano solo i nemici (tu sei "menabile" senza magia) ed in D&D 3.x l'hanno trasformata in un'unica direzione (tu puoi usare oggetti magici, usare la magia ed anche ricevere incantesimi di cura, visto che la puoi abbassare volontariamente e rialzarla non è nemmeno un'azione). Ma una creatura con una RI elevata dovrebbe avere un ML elevato. A parte che le razze con ML elevato in realtà fanno pena, pietà, schifo e misericordia, una razza con ML non è una razza base.

I phanaton ed i grippli non li conosco: a parte una breve descrizione ed i punteggi, non riesco a trovare qualcosa che descriva la razza in quanto tale. Qualcuno ha un link, così mi faccio un'idea?
Su i Maenad ed Uldra non trovo un tubo...


Luskark ha scritto: anche se poi la cosa porta ai buffi paradossi per cui l'elfo a 120 anni non ne sa tanto più di un umano a 18.

È il problema delle razze longeve giocabili ;)

Il resto domani perché è tardissimo. Buonanotte :P

Ciao :)
---
Io sono colui che ha visto l'alba dei tempi
Io sono il fuoco primordiale
La mia pelle è più dura del ferro
I miei muscoli molle di acciaio
La mia intelligenza è senza limiti
Io sono quello che voi umani chiamate...
DRAGO!
Avatar utente
Red_Dragon
Leggenda Nascente
Leggenda Nascente
 
Messaggi: 4772
Iscritto il: mer set 19, 2007 7:00 am
Località: Roma

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda Mad_Master » sab ott 01, 2016 11:34 am

Il beastman non avrebbe ML, dato che il vantaggio per l'altissima RI sarebbe bilanciato dai problemi che causa nell'uso della magia... Il problema della razza, casomai, è trovare un modo per darle una forma di resistenza alla magia che non sia solo una RI più forte e che non sia aggirabile usando capacità soprannaturali e simili... Tra l'altro, non sarebbe un'aura, ma solo una difesa personale...

Gli umbragen SONO una sottorazza di elfi... Per la precisione una sottorazza di una sottorazza, ovvero dei drow di Eberron modificati... Quello che farei io è levargli molte cose da drow e farne una razza a se che di elfo ha poco o niente, mantenendo solo ciò che li rende speciali rispetto al resto delle razze...

I neanderthal sono un altro tipo di umani, fondamentalmente... Di sicuro sono un'opzione interessante per ambientazioni specifiche, soprattutto qualora i loro tratti fossero aggiornati in base alle scoperte archeologiche più recenti, che li hanno dipinti come molto meno cavernicoli buzzurri e molto più come ominidi complessi e tutt'altro che stupidi (un po' come i mezzorchi di Pathfinder, che sono del tutto diversi da quelli 3.5)...

I phanaton, nella loro ultima versione 3.5, li puoi trovare su Dragon Magazine 351 a pagina 71... Sono umanoidi di taglia Piccola con l'aspetto e le capacità che ricordano uno scoiattolo volante... Sono creature silvane e andrebbero molto d'accordo come stile con beastmen, felinidi, morfici, grippli e magari una variante più "selvatica" degli elfi...

I grippli sono una razza di rane umanoidi che trovi in Pathfinder, derivati da una creatura della 2° edizione (che anche io usavo come razza giocante a suo tempo) le cui statistiche complete appaiono su Advanced Race Guide, ripresi dalla versione apparsa sul Bestiary 2...

I maenad sono sull'Expanded Psionics Handbook, mentre gli uldra su Frostburn, assieme alla versione 3.5 dei neanderthal (che a me pare abbastanza datata e fin troppo stereotipata)...
Avatar utente
Mad_Master
Membro Gold
Membro Gold
 
Messaggi: 2361
Iscritto il: gio nov 17, 2005 8:00 am
Località: Monte Argentario

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda Nyxator » sab ott 01, 2016 12:44 pm

Red_Dragon ha scritto:Skinwalker: non li conoscevo ma li ho trovato sulla wiki di Pathfinder. Sembrano il tentativo di mettere i Morfici in Pathfinder. Hanno aspetto umano rispetto ai morfici ma hanno delle trasformazioni che trasformano, facendo spuntare artigli, zanne, pelliccia, eccetera, anche se la trasformazione (da quello che ho capito) non è completa (non diventano ibridi come i licantropi). Anche questi richiedono un pesante cambiamento al concetto di Licantropo.

I gusti son sacrosanti, ma non ho capito la problematica del "non c'è spazio"(in scenari manualistici ove trova spazio pure il dragonborn?) ,del licantropo lupo only e la necessità di inventarsi cose ad hoc... :uhm:
http://www.archivesofnethys.com/RacesDisplay.aspx?ItemName=Skinwalker
Beastman: io trovo più belli i Felinidi ^_^

Beh sì, il disegno in effetti non è incoraggiante.
Per come la vedo io, col sistema dei tratti standard e alternativi, i talenti razziali, il race builder e una qualche aggiustatina, un bilanciamento si può trovare.
Tornando ai calcoli del race builder per come li pensavo io...
A una ipotetica RI 17+Gs o Lv che costa 5 e passa race points si potrebbero affiancare ipotetici drawback tipo:

Scettico (-4 o -5 race points) non si può abbassare la RI

Scarsa Padronanza sulla Resistenza agli Incantesimi(-1 race points, o anche -2)
si può abbassare la RI, ma con un'azione di round completo.

E via dicendo...magari mettendo appunto opzioni alternative(vedasi post precedenti) e cose per chi volesse il beastman caster in alcune classi.

(No buon drago...l'immunità alla magia e/o l'aura di antimagia selettiva sono più cose da golem e colossus :ops: )
Red_Dragon ha scritto:i grippli non li conosco

http://paizo.com/pathfinderRPG/prd/advancedRaceGuide/uncommonRaces/gripplis.html
http://www.lomion.de/cmm/grippli.php

corretto link
Avatar utente
Nyxator
Eroe Valoroso
Eroe Valoroso
 
Messaggi: 3108
Iscritto il: mar lug 24, 2012 10:38 pm
Località: Sigil. città delle porte.

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda Red_Dragon » sab ott 01, 2016 1:42 pm

Nyxator ha scritto:I gusti son sacrosanti, ma non ho capito la problematica del "non c'è spazio"(in scenari manualistici dove trova spazio pure il dragonborn?), del licantropo lupo only e la necessità di inventarsi cose ad hoc...

Perché, nell'immaginario comune, il licantropo non genera mezzi licantropi perché sono umani a tutti gli effetti con una maledizione (o di benedizione, a seconda di come la vuoi vedere) addosso e non una razza a parte. Trasformare il licantropo in una razza a parte, senza alcun legame con l'umano, non piacerebbe a molti (ovviamente secondo me).

A proposito, mi è venuto in mente che in AD&D esisteva una razza di uomini lupo che era abbastanza popolare, per poi scomparire con l'arrivo della 3°. Mi ricordo che erano spadaccini ed avevano "qualcosa di francese"...

Ciao :)
---
Io sono colui che ha visto l'alba dei tempi
Io sono il fuoco primordiale
La mia pelle è più dura del ferro
I miei muscoli molle di acciaio
La mia intelligenza è senza limiti
Io sono quello che voi umani chiamate...
DRAGO!
Avatar utente
Red_Dragon
Leggenda Nascente
Leggenda Nascente
 
Messaggi: 4772
Iscritto il: mer set 19, 2007 7:00 am
Località: Roma

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda Mad_Master » sab ott 01, 2016 3:29 pm

Ti ricordi i lupin...

Erano una razza di Mystara originaria della Savage Coast, apparsi in seguito nell'ambientazione Red Steel ivi localizzata...

In 3.0 non li hanno reintrodotti, ma in 3.5 sono apparsi su Dragon Magazine numero 325 a pag. 84 e sul Dragon Magazine Compendium uscito in seguito...
Avatar utente
Mad_Master
Membro Gold
Membro Gold
 
Messaggi: 2361
Iscritto il: gio nov 17, 2005 8:00 am
Località: Monte Argentario

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda Nyxator » sab ott 01, 2016 4:50 pm

Red_Dragon ha scritto:Perché, nell'immaginario comune, il licantropo non genera mezzi licantropi perché sono umani a tutti gli effetti con una maledizione (o di benedizione, a seconda di come la vuoi vedere) addosso e non una razza a parte. Trasformare il licantropo in una razza a parte, senza alcun legame con l'umano, non piacerebbe a molti (ovviamente secondo me)

A proposito, mi è venuto in mente che in AD&D esisteva una razza di uomini lupo che era abbastanza popolare, per poi scomparire con l'arrivo della 3°. Mi ricordo che erano spadaccini ed avevano "qualcosa di francese"...

Così a naso direi il nome.
Non male anche in contesti con armi da fuoco rudimentali.

Comunque in AD&D c'è una bella differenza anche tra il licantropo lupo mannaro(lycanthrope werewolf) e l'uomo lupo(wolfwere)
Il secondo è più un astuto mutaforma con un accenno di capacità simil bardiche (non a caso uno dei più noti dell'ambientazione Ravenloft era il bardo Harkon Lukas)

P.s: l'error sql tornò?
Avatar utente
Nyxator
Eroe Valoroso
Eroe Valoroso
 
Messaggi: 3108
Iscritto il: mar lug 24, 2012 10:38 pm
Località: Sigil. città delle porte.

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda thondar » sab ott 01, 2016 6:28 pm

Red_Dragon ha scritto:A proposito, mi è venuto in mente che in AD&D esisteva una razza di uomini lupo che era abbastanza popolare, per poi scomparire con l'arrivo della 3°. Mi ricordo che erano spadaccini ed avevano "qualcosa di francese"...
Ciao :)

Non ho tempo per controllare lo spelling ma penso che stai parlando dei Loup garou o qualcosa del genere
Se mi dite dove trovo la roba di cui parlate è più facile che risponda!

Sistema Investigativo, Avventure Esplorative e Sfide di abilità
Avatar utente
thondar
Moderatore (Gold)
Moderatore (Gold)
 
Messaggi: 15753
Iscritto il: sab apr 29, 2006 7:00 am

Re: [Discussione] La razza base di minor successo

Messaggioda Mad_Master » sab ott 01, 2016 8:32 pm

I loup garou erano i lupi mannari pompati di Ravenloft, ma per il resto erano normali licantropi...

Un altro licantropo strano era il loup du noir, apparso sui monster manual annuali della tarda seconda edizione: si trasformavano indossando una pelle di lupo incantata...
Avatar utente
Mad_Master
Membro Gold
Membro Gold
 
Messaggi: 2361
Iscritto il: gio nov 17, 2005 8:00 am
Località: Monte Argentario

PrecedenteProssimo

Torna a Discussioni Generali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Pannello Utente



Chi c'è online

    Tiradadi

    Prossimi eventi

     

    Ultimi file da scaricare

    Creata sulla base delle liste by Darken&Erestor, ringrazio Necrid per avermi permesso di util...

    Immagini dalla galleria